Krypto

L’armonia rivela la tabella di marcia per le piscine a scambio incrociato e a catena incrociata

Harmony (ONE) ha presentato la sua tabella di marcia per lo sviluppo della compatibilità a catena incrociata, ma costruendo ponti senza fiducia e dando agli utenti un più ampio accesso a DeFi.

La piattaforma decentralizzata a catena di blocchi Harmony

Giovedì 24 settembre, la piattaforma decentralizzata a catena di blocchi Harmony ha annunciato la roadmap delle sue iniziative di scambio e di cross-chain. La piattaforma mira a costruire ponti senza fiducia tra decentralizzazione e scalabilità.

La piattaforma ha annunciato che costruirà ponti senza fiducia per le catene Immediate Edge, Ethereum e Binance dando agli utenti un più ampio accesso alla finanza decentralizzata (DeFi).

L’armonia ha sempre promesso un’elevata produttività accompagnata da una bassa latenza e da bassi costi. La piattaforma ha lanciato la sua funzione Open Staking nel maggio 2020 e finora ha puntato oltre il 53% dei suoi gettoni nativi. Inoltre, nota anche che i loro protocolli e attualmente sottoutilizzati. Spiega anche che l’uso di sharding conferisce loro la flessibilità dell’espandibilità orizzontale.

Confrontando la sua latenza rispetto agli altri operatori del mercato, Harmony ha detto:

„La caratteristica più significativa per i nostri utenti è la velocità finale. La finalità di 5 secondi di Harmony ha un chiaro vantaggio rispetto ai 6 minuti di Ethereum, ai 12 minuti di Ethereum 2 e ai 60 secondi di Polkadot“.

Avendo avuto successo nello sviluppo di molteplici ponti da e per Ethereum e Binance Smart Chain, nelle prossime settimane lanceranno anche „l’oracolo a catena incrociata Uniswap V2 e Chainlink su Harmony Mainnet“.

Harmony ha detto che il suo obiettivo principale nel prossimo futuro sarà lo sviluppo di un pool di cross-chain con ponti senza fiducia. Essa osserva che, poiché la finanza decentralizzata (DeFi) ha iniziato a prendere piede ora è il momento di spingere un’adozione più ampia, mettendo insieme i protocolli e scalando le loro innovazioni. Molte catene hanno recentemente iniziato ad offrire la promessa dell’interoperabilità delle risorse digitali e dei contatti.

„Il nostro approccio all’unificazione è quello di incorporare i clienti leggeri di più catene nei nostri validatori esistenti“, ha dichiarato Harmony. L’architettura cross-chain di Harmony fornisce un ecosistema senza fiducia costituito da tutte le reti senza autorizzazione. Harmony ha la possibilità di fare leva su altre piattaforme, poiché la maggior parte dei componenti a catena incrociata sono già in produzione.

Le piscine a scambio incrociato Harmony con i gateway Fiat

La finanza aperta sta assumendo un ruolo più importante nel mondo finanziario globale. Anche le grandi organizzazioni e i governi hanno iniziato a lavorare sulle infrastrutture della finanza aperta per soddisfare le richieste future. Nei prossimi mesi, Harmony lavorerà su un prodotto con la giusta misura di mercato per soddisfare milioni di utenti.

Harmony lavorerà allo sviluppo di pool di liquidità per gli asset di Harmony (ONE) e per gli stablecoin USD nelle borse valori. La catena di blocco Harmony fornirà anche altri servizi come linee di credito efficienti, gestione della tesoreria, ecc. per le attività transfrontaliere. Inizialmente, Harmony si concentrerà principalmente sul sud-est asiatico e sul mercato statunitense.

Lo sviluppo di un pool di scambi incrociati a catena richiedeva un’infrastruttura finanziaria eterogenea. Harmony ha preso nota:

„Questi pool di liquidità generalizzano i market maker automatizzati (AMM) a qualsiasi trading bot che gestisce onchain come un contratto intelligente. Noi crediamo che questa innovazione sia l’ultima frontiera della rottura di cripto in gateway fiat, quindi in finanza oltre confine“.

Harmony dice che i suoi prodotti risolvono uno dei problemi principali, ovvero la liquidità. In questo modo, aiuta a colmare eventuali gap di prezzo e arbitraggio per migliaia di criptoassets attraverso diverse borse.

Nei prossimi mesi, Harmony ha detto che si concentrerà anche sulle strutture di governance decentrate.